Troglodita Tribe S.p.A.f. (Società per Azioni felici)

26 giugno 2015

L’ILLUMINAZIONE ESPLOSIVA DELL’ECO EDITORIA CREATIVA

fatti i libri tuoi!

L’Eco-Editoria Creativa, allora, si scaglia come macchia sul muro, s’imprime come timbro tinteggiato da sensuali simboli tatuati. E’ la meravigliosa foto sbagliata, il gronchi rosa come merda rosa che si sposa, è la musica delle parole, è la pittura punk che batte ancora potente sui fogli di carta.

E’ per questo che non possiamo prendere le solite vecchie poesie e le solite vecchie storie per farne un libello creativo, per mimetizzarle su uno scartafaccio. Sarebbero troppo pesanti per volare senza il motore del vero editore, troppo pensanti per l’illuminazione esplosiva dell’Eco-Editoria creativa.

Annunci

2 commenti »

  1. milano 1968-1973. Filastrocca di corso Sempione: Cosa Cosa ? La merda rosa, che in bocca tua riposa che in bocca tua fiorisce. Filastrocca delle due ruote: Aggio comprato la moto Laverda aggio saputo che mangi la merda…la moto Laverda la tengo per me (segue con altre marche)
    Coprocultura

    Commento di francesco — 26 giugno 2015 @ 2:03 pm

    • LA MERDA ROSA CHE SI SPOSA

      Quando la merda era ancora in pieno possesso del suo mitico marroncino sfaccettato in mille sfumature ricche di sfasamenti odorosi da placido svenimento, la riconoscevi all’istante. Erano tempi in cui merda e cioccolato non davano adito ad alcuna possibilità di caotica intromissione nelle reciproche posizioni. La merda, in quei gloriosi tempi andati, la incontravi spesso per la strada. Merda di cane, merda di gatto, merda di piccione, e anche merda umana partorita nei suoi magnifici astrattismi, a volte sinuosamente barocchi, altre volte di uno stitico-minimalista condito alla nouvel-cousine. Erano proprio altri tempi, la merda era merda, e la si tollerava come fenomeno inevitabilmente terreno, parte integrante dell’esistenza. Che tempi! Nessuno aveva ancora immaginato di prendere la merda e correggerla, camuffarla, truccarla, contraffarla e trasformarla fino a renderla un bene di consumo. Sospetto che l’idea sia stata rubata ad un’antica filastrocca che si recitava da bambini: la merda rosa che si sposa, che in bocca tua finisce, che in bocca tua perisce. Una canzoncina, un gioco di parole in rima da cantilenare gioiosamente per la sua psichedelica assurdità fantastica. E questa meravigliosa merda rosa, d’un rosa abbacinante, quasi un confetto farcito di cioccolata, vistosamente vestita con abito da sposa, s’avvicinava trotterellando rotonda all’altare. Sposa dell’irrazionalità, paradossale parodia del non-sense, finiva nella bocca del babbione di turno ingolfandolo di materiale merdoso, rivelandosi finalmente nella sua scomoda e materica essenza marron-pastosa. Sposa per necessità di rima periva all’istante come un sogno impossibile in un fugace divertissement, infantile, ma luminoso e crepitante di creatività.
      Come potevano gli astuti inventori dello spocchioso spettacolo da spot non impadronirsi di una simile visione? Fu così che la merda divenne rosa, divenne profumosa, divenne pomposa e venne scientificamente adulterata in tutti i suoi annessi e connessi per essere inscatolata e venduta ed esaltata a bene di consumo. Merda che furoreggia in ogni ambito, merda classificata, etichettata, confezionata, merda la cui tracciabilità viene monitorata minuto per minuto in una strenua ricerca del merdoso benessere che l’accompagna.

      Tratto da “Anonima Scriventi” microlibello creativo di Troglodita Tribe
      Scriviamo succhi di sughi colorati in odor di poesia protestante. Impaniamo impennate di colori colanti in contanti. Misceliamo simpatiche soluzioni sintattiche da cogliere al tatto. Siamo l’Anonima Scriventi: elementi evasi dalla giurisdizione di tutti i vocabolari. Scartati alla leva del best-seller, non piangiamo ma campiamo di….

      Commento di trogloditatribe — 26 giugno 2015 @ 9:24 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: