Troglodita Tribe S.p.A.f. (Società per Azioni felici)

22 marzo 2017

Quando il telefono squillava

phone-1597071_640.jpgOk, non vogliamo negarlo, certamente facciamo parte di una delle cosiddette vecchie generazioni tecnologiche, quelle cresciute col telefono che squilla, quelle che dovevi infilare il dito e girare il disco di plastica per fare i numeri. A quei tempi, quando squillava il telefono, a rispondere ci andavi sempre, a qualunque ora del giorno o della notte, qualunque cosa stessi facendo. C ‘era qualcuno che ti stava chiamando, che voleva parlare con te, che aveva qualcosa da dirti, come facevi ad ignorarlo? Se passi per la strada e qualcuno ti rivolge la parola, gli rispondi, è normale. Se poi è una persona che conosci, che ti rivolge magari una domanda, che ti fa una richiesta, che fai? Tiri dritto e lo ignori?

 E così, ancora oggi, quando arriva una chiamata, un sms, una mail o un qualunque messaggio lanciato evidentemente ed esplicitamente nella  nostra direzione, che ci parla direttamente e personalmente, ci viene naturale e istintivo dare una risposta. E’ come se una risposta fosse necessaria, una pura questione di civiltà comunicativa.

E non stiamo mettendo in discussione la legittima difesa mediatica, il rilassato atteggiamento di chi, ogni tanto, lascia andare la chiamata o di chi, a risponderti, se la prende comoda. Ci sta, i tempi cambiano e i messaggi sono diventati tempeste radioattive in bassa frequenza che trasportano faccine che sorridono, vomitano, fischiettano… non tutto è così urgente! E poi siamo così indaffarati a rispondere ai post dei mille e cinquecento amici di fb che, più di tanto non si può pretendere.

Ma no! Noi stiamo parlando di quelli che non rispondono proprio, di quelli che, anche se articoli una chiara domanda diretta, niente! Di quelli che magari ti contattano loro e poi ti lasciano cadere nel limbo dell’attesa, delle cose in sospeso, nel vuoto di quello spazio-tempo dove annaspi e sei costretto ad inseguirli anche solo per ottenere uno straccio di risposta chiara.

Perché è proprio questo il punto, loro non concepiscono la comunicazione come un contatto diretto. Loro non interpretano la tecnologia come un mezzo che facilita la comunicazione tra individui. Nel loro mondo la tecnologia ha preso il sopravvento e la comunicazione è un videogame dove raccatti i punti e ti diverti. E in un videogame, se non rispondi, dall’altra parte non c’è un individuo reale che ti ha fatto una domanda, che sta aspettando una risposta. Nel loro mondo conta solo farti notare che sono molto impegnati con i loro mille e cinquecento amici e poi c’è il lavoro (ohh quanto lavoro!), la famiglia, i selfie, gli hobby… E non si può mica rispondere sempre a tutti!

A ben vedere deve essere proprio così che, alla fin fine, ci sente un po’ come delle star. Perché è il mito dell’homo indaffaratus ed impegnatus che, oggi, tende a farci sentire realizzati. Un mito un po’ becero tutto sommato, irrimediabilmente virtuale e drasticamente svincolato dalla realtà. Una sorta di succedaneo de noantri rispetto a quell’altro vecchio mito, ancor più becero se è possibile, quello dell’imprenditore macho che s’è fatto da sé, quello che ha talmente tanto da fare che, se ti va bene, riesci a parlarci solo attraverso la segretaria. Bionda ovviamente.

Annunci

Blog su WordPress.com.